Evento Profumerie DOUGLAS e GOODSKIN LABS: Domande e riposte

14:12:00, by Erika A.


Ciao!

Quì tutte le risposte alle vostre domande di QUESTO POST sulle problematiche della pelle, all'evento Douglas & Goodskin Labs!



Le risposte di Daniela Pistoia - Goodskin Labs il 18 feb a Bari:

I: Parliamo di pelle grassa e di conseguenza lucida, lʼutilizzo di troppi prodotti per combatterla
può essere controproducente? Quale routine seguire per alleviare il problema?
GoodSkin Labs: Non esiste la necessità di utilizzare molto prodotti. Per trattare la pelle grassa è
importante detergere costantemente due volte al giorno, utilizzare un prodotto fluido, preferibilmente oilfree,
con azione antiage quotidianamente. Due/tre volte la settimana utilizzare una maschera
assorbente, riequilibrante. L’uso del prodotto antiage ad azione idratante, rassodante e’ utile per evitare
che la pelle riduca la sua capacità di autoriparazione e che venga “impoverita” superficialmente
dall’azione di pulizia necessaria per eliminare il sebo in eccesso.
Smooth 365 di GoodSkin Labs e’ un siero a base di peptidi in grado di dare immediatamente un effetto
di grande luminosità e una superficie vellutata e priva di lucidità. Smooth 365 e’ anche un’ottima base
trucco.

I: E quali pratiche mettere in atto per combattere il problema opposto, la pelle secca?
GoodSkin Labs: La pelle secca ha bisogno di idratazione e lipidi, si tratta di una pelle che ha bisogno
di cure costanti. Al mattino, puoi applicare Extent 10, il nostro diffusore di giovinezza. Extent 10 agisce
attraverso un blend di ingredienti idratanti come Acido Ialuronico (il più potente idratante) e antiage (la
molecola Sirtuin in grado di proteggere l’attività cellulare cutanea). In più Extent 10 ha un fattore di
protezione 15 e questo lo rende perfetto per offrire alla pelle una protezione indispensabile per le pelli
aride.


I: Esistono controindicazioni se lʼutilizzo di prodotti antiage inizia prematuramente?
GoodSkin Labs: In realtà bisognerebbe cominciare presto ad utilizzare un prodotto idratante e
protettivo e un contorno occhi. Tuttavia, e' molto importante avere una consulenza personalizzata
poiché la pelle è un organo che "vive" momenti e condizioni diverse.

I: Esiste una soluzione non invasiva per attenuare lʼanti-estetica couperose?
GoodSkin Labs: Dal punto di vista cosmetico e’ importante utilizzare sempre un prodotto di protezione
e decongestionante. Molto utili sono i prodotti antiossidanti e calmanti, dovrà seguire sempre un
prodotto di protezione (potrà usare Extent10 di GoodSkin Labs) e un leggero fondotinta. Per consigli
differenti sarebbe utile consultare un dermatologo.

I: Come individuare da sole il proprio tipo di pelle per poi utilizzare I prodotti più adeguati?
GoodSkin Labs: La auto consulenza può avvenire in caso di non particolari esigenze.
Auto consulenza: mettiti davanti allo specchio, al mattino, appena svegli. Controlla se la pelle presenta
un colorito uniforme, tocca la tua pelle per verificare il livello di morbidezza e misura l'elasticità
stringendo delicatamente la pelle tra due dita.
Sempre davanti allo specchio, verifica se al centro del viso (naso, fronte, mento) vedi una maggiore
lucidità. La lucidità al centro del viso indica un’eccessiva produzione sebacea. Se non si tratta di una
manifestazione molto evidente è sufficiente l'utilizzo di un siero decongestionante, oil-free (Smooth 365
di GoodSkin Labs). In questo caso si tratta di pelle mista. Se la lucidità si manifesta diffusamente su
tutto il viso unitamente a manifestazioni di brufoli o arrossamenti localizzati, si tratta di una pelle
decisamente grassa. E' bene curare particolarmente la pulizia "speciale" (maschera di pulizia
assorbente) due volte la settimana oltre la pulizia quotidiana.
Se davanti al nostro specchio, appoggiando il dito anulare sull'area zigomatica alta, vediamo piccole
linee sottili, la nostra pelle può essere disidratata. Ti consiglio di utilizzare Extent 10, è anche un ottimo
idratante che ti dona un bellissimo “glow” che valorizza la tua bellezza.

I: Quali sono le best practice e/o i prodotti davvero efficaci per combattere le occhiaie?
GoodSkin Labs: Eyeliplex di GoodSkin Labs è perfetto per le occhiaie. Eyeliplex è un trattamento
composto da un gel lifting da giorno (te lo consiglio per avere una buona tenuta dell'ombretto), un
balsamo per la notte. In particolare il balsamo, ha un'azione decongestionante e schiarente sull'occhiaia
oltre ad avere un effetto drenante riducendo in maniera davvero evidente le "borse" tanto odiate.

I: Esistono rimedi efficaci contro lʼarrossamento della pelle?
GoodSkin Labs: Dipende dalla causa dell'arrossamento. Sarebbe utile una consulenza diretta.
Tuttavia, si ricordi che tutti i prodotti contenenti anti irritanti possono alleviare l'arrossamento. Potrebbe
usare EQUINOL di GoodSkin Labs. Si tratta infatti di un prodotto anti macchia che "lavora" sulla pelle
attraverso sostanze anti irritanti come l'acido Glicirettinico o estratto di liquirizia che ha un efficace
effetto anti infiammatorio. Applicalo sulla pelle pulita e fai seguire un idratante con fattore di protezione
(Exten 10).


I: Come proteggere lʼepidermide dal clima rigido di questi giorni?
GoodSkin Labs: Usa Exten 10, idratante protettivo o Filextra se hai l'esigenza di restituire tonicità e
volume alla pelle. Indispensabile l'uso del fondotinta.

I: Il comunissimo problema dei punti neri: come combatterli efficacemente?
GoodSkin Labs: Due azioni fondamentali: detersione quotidiana due volte al giorno abbinata ad una
pulizia più profonda da effettuare con un prodotto esfoliante o maschera di pulizia in caso di pelle
arrossata, con brufoli. Ideale far seguire un prodotto che agisce sulla superficie cutanea, Smooth 365 e'
un siero ideale che giorno dopo giorno uniforma il tuo incarnato e ti dona luminosità.

I: Qual è la differenza tra acido glicolico e acido ialuronico?
Goodskin Labs: L'acido glicolico ha un effetto esfoliante di diversa efficacia secondo la percentuale
contenuta nel prodotto. Questi prodotti servono per "rinnovare" lo strato superficiale riducendo l'opacità'
e la ruvidità cutanea.
L'acido ialuronico e' una sostanza igroscopica che noi stessi produciamo. L'acido ialuronico è il più
potente idratante utilizzabile a livello cutaneo.

I: Quale parte del viso è più soggetta allʼinvecchiamento?
GoodSkin Labs: Sicuramente il contorno occhi poiché le espressioni facciali si esprimono attraverso la
mobilità della zona contorno occhi e questo rende questa zona più soggetta alla formazione di linee e
segni. Inoltre, la zona perioculare e' enormemente più sottile della restante pelle del viso

I: Come contrastare I fastidiosi “grani di miglio” e come evitarne la ricomparsa?
GoodSkin Labs: L'antiossidante e i prodotti di protezione aiutano a prevenire la nuova formazione.

I: Parliamo di packaging, i prodotti GSL si notano. Quali sono le vostre linee guida a livello
dʼimmagine?
GoodSkin Labs: Il packaging di GSL è molto semplice perché si preferisce investire nella formula, il
codice colore attira l'attenzione e il packaging indica in maniera chiara l'azione del prodotto, i risultati
che si possono ottenere ed anche il principale attivo con il quale il prodotto agisce. La comunicazione
chiara sul packaging permette alla cliente di essere informata facilmente e, poi, potrà chiedere una
dimostrazione del prodotto recandosi nelle profumerie Douglas.

I: Prevedete di ampliare la gamma dei prodotti inserendovi elementi per la detersione e il demakeup - come tonici, latte detergenti e maschere?
GoodSkin Labs: Per il momento non sono previsti.

I: Equinol è adatto anche come prevenzione, ovvero si può usare insieme alla normale crema da
giorno per prevenire le macchie scure?
GoodSkin Labs: Certamente. EQUINOL e' un preparato ideale per prevenire le macchie e ridurre
l'intensità. Far seguire sempre un prodotto con fattore di protezione come Extent 10.



Le riposte del Dr Frank all'appuntamento del 25 gen a Milano:

I: I massaggi e la ginnastica facciale funzionano?
Dott. Frank: Diciamo che non aiutano assolutamente a ridurre le rughe, ma senza dubbio - pur non
avendo un effetto anti-age - aiutano a sentirsi bene.


I: Bellezza della pelle: questione genetica o influenza di fattori esterni – smog, alimentazione e
stile di vita, esposizione al sole?
Dott. Frank: Ottima domanda! Eʼ chiaro che dipende dal tipo di pelle e dalla persona. In generale, sia la
questione genetica sia i fattori esterni influiscono indubbiamente: ciò che mangiamo, il sole e tutto ciò
che ci circonda influisce assolutamente.

I: Come detergere la pelle del viso quotidianamente e quali sono gli errori da evitare?
Dott. Frank: La pelle va lavata e pulita in maniera molto semplice e il fatto di lavarla molto non influisce
assolutamente sullʼapparire più giovani. Eʼ utile tenere presente che non è strettamente necessario
utilizzare prodotti molto costosi e che i prodotti e i trattamenti che irritano la pelle vanno evitati.

I: A che età bisogna cominciare a fronteggiare lʼinvecchiamento della pelle? Meglio aspettare le
prime rughe o prevenire?
Dott. Frank: Eʼ opportuno iniziare quando si notano i primi segni di invecchiamento, è un processo
abbastanza intuitivo perchè quando si vedono i primi segni legati alle rughe è più facile averne cura.
Comunque più si aspetta e più è probabile che dobbiate venire a trovarmi nel mio studio (scherza). La
prevenzione e la cura di sé sono senza dubbio la via migliore da seguire.

I: Parlando di pelle e gravidanza: eʼ vero che lʼaspetto della pelle migliora durante i mesi di
attesa?
Dott. Frank: Eʼ vero che alcune donne migliorano, ma capita anche che alcune peggiorino. Questo
dipende dalla risposta del corpo agli ormoni, è un poʼ lo stesso fenomeno che si riscontra nelle donne
con lʼassunzione di contraccettivi.

I: Senza ricorrere alla chirurgia o a prodotti a base di silicone, come si possono ridurre i pori
dilatati e le imperfezioni del viso?
Dott. Frank: I prodotti al silicone funzionano esteticamente come una sorta di make up perché sono
coprenti, la chirurgia invece non dovrebbe essere considerata per lʼinestetismo dei pori dilatati perché
non ha un effetto specifico su questo tipo di problema.

I: Parlando di couperose, punti neri, macchie e occhiaie, cosa fare per nascondere questi
difetti?
Dott. Frank: In realtà queste sono tante domande in una! (sorride) In generale, il sole influisce molto
sulle problematiche della pelle, siano esse macchie bianche, macchie scure o inestetismi nella zona del
contorno occhi. In una zona ridotta come quella degli occhi, ad esempio, possono comparire tante
problematiche ecco perché ci sono prodotti come Eyliplex-2 di Goodskin Labs con tanti ingredienti
diversi.

I: La dermatite seborroica è un problema diffuso. Come comportarsi e, una volta risolto il
problema, quali sono le pratiche per mantenere la pelle in salute?
Dott. Frank: La dermatite seborroica non può essere del tutto curata ed è un problema che può
protrarsi nel tempo, come lʼeczema. Questo è dovuto purtroppo al fatto che la dermatite è la
conseguenza di un fungo sulla pelle, il cui effetto sui vasi sanguinei è permanente. Il problema può
essere alleviato con lʼaiuto di apposite creme.

I: I prodotti per il make up quotidiano incentivano lʼinvecchiamento della pelle?
Dott. Frank: Assolutamente no, non incentivano lʼinvecchiamento. I processi di ricerca e sviluppo sui
cosmetici hanno consentito la creazione di prodotti di gran lunga migliori rispetto a quelli che venivano
proposti in passato. Ad esempio, molti cosmetici oggi contengono un fattore di protezione solare - fatto
che trovo estremamente positivo.

I: Che caratteristiche deve avere una buona crema anti rughe?
Dott. Frank: In primo luogo la “bontà” della crema si dovrebbe sentire al tatto, il prodotto deve avere
una buona consistenza. Non si può parlare poi della qualità di una crema se non la si utilizza per un
periodo di tempo prolungato; è sbagliato e molto diffuso credere che una sola applicazione possa
essere sufficiente per valutarne la qualità. E - lo sottolineo di nuovo - una crema non deve
necessariamente costare molto per essere una garanzia di successo.
Infine, un solo prodotto non è sufficiente per risolvere tutti i problemi della pelle. Sarebbe opportuno
focalizzare lʼattenzione su un disturbo alla volta ed andare a intervenire localmente.

I: Qual è la sua personale opinione sul dibattito cosmesi eco/bio e cosmesi classica?
Dott. Frank: La tendenza attuale nella cosmesi è quella di utilizzare elementi il più possibile naturali. Io
propendo maggiormente per i prodotti naturali, ma la distinzione tra prodotti eco/bio e chimici non è più
così marcata rispetto al passato.

I: Cosa ne pensa delle BB cream (blemish and balm)?
Dott. Frank: Queste BB cream in America sono poco conosciute e personalmente non tratto questo tipo
di prodotti quindi non mi sento di dare unʼopinione a riguardo.

I: Veniamo allʼultima novità: Equinol. Può essere utilizzata anche dʼestate?
Dott. Frank: Certo, può essere utilizzata assolutamente tutto lʼanno.

I: Le spazzole elettriche, come il Clarisonics, sono un buon alleato per la pulizia della pelle?
Dott. Frank: Le spazzole elettriche sono un buon prodotto, ma sono senza dubbio utili per alcune
persone e non per altre. Bisogna prestare molta attenzione a come le si utilizza.

I: Quali sono gli errori da evitare per non vanificare lʼeffetto dei vostri prodotti?
Dott. Frank: Uno degli errori da evitare è utilizzare prodotti anti-age, ma senza la protezione solare.
Inoltre va tenuta presente la lunga lista di abitudini nocive note come fumare, bere o sottoporsi a diete
sbagliate che possono compromettere lʼeffetto positivo dei prodotti.

I: Cicatrici e smagliature: esiste una soluzione non invasiva per attenuarle?
Dott. Frank: In questi casi il laser è una terapia efficace, mentre è difficile che le creme riescano
effettivamente a ridurre questi inestetismi.


I: Cosa possiamo aspettarci realisticamente da una crema anti rughe?
Dott. Frank: Se lʼutilizzo della crema è costante ci si può aspettare un miglioramento della pelle
significativo e duraturo. Questa è senza dubbio la chiave del successo. In qualsiasi aspetto della
medicina la pazienza e lʼutilizzo sono gli strumenti migliori per ottenere risultati. Non esiste la magia!
(ride)

I: Eʼ vero che alcuni prodotti, se usati costantemente, possono sostituire la chirurgia?
Dott. Frank: Sicuramente. Lʼutilizzo dei prodotti, non sostituisce la possibilità di intervenire
chirurgicamente, ma ne previene lʼutilizzo – soprattutto se si inizia da giovani.

I: Equinol si può usare anche sotto il trucco, in modo che possa fare effetto per tutto il giorno?
Dott. Frank: La risposta è si, si può pulire la pelle, applicare il prodotto localmente sulla macchia ed in
seguito applicare un prodotto idratante, il trucco e così via. Non si può però applicare Equinol dopo aver
steso il make up, a quel punto perderebbe la sua efficacia.

I: Equinol è raccomandato sia per il giorno sia per la notte?
Dott. Frank: Si, per avere unʼazione più efficace raccomandiamo lʼapplicazione due volte al giorno.
Quando un tempo esistevano solo prodotti chimici da prescrizione ne suggerivo lʼutilizzo una o due volte
alla settimana perché erano troppo tossici per la pelle. Questo prodotto invece apporta benefici
utilizzato tranquillamente due volte al giorno.

I: Come si può fare una distinzione tra neo e macchia?
Dott. Frank: Questo è un compito che spetta al dermatologo. Se si è un soggetto a cui naturalmente
capita che spuntino di frequente nei o macchie è necessario farsi visitare da uno specialista. Quello che
posso affermare però è che i nei se sono piatti in genere non sono problematici. Quando invece nei o
macchie non sono levigati ma “spuntano” dalla pelle Equinol non è efficace.

I: Equinol si può utilizzare in gravidanza?
Dott. Frank: Eʼ una domanda molto diffusa, dipende dalle legislazioni dei diversi paesi, non sono stati
fatti studi specifici negli Stati Uniti. Dal mio punto di vista è un prodotto sicuro, che può essere utilizzato
anche dalle donne che allattano. Comunque durante la gravidanza tutto si scurisce nel corpo di una
donna.

I: Può dare un consiglio alle donne che vivono in città e che nella quotidianità devono
fronteggiare lo smog che, si sa, aggredisce la pelle? Quale routine dʼigiene può essere
efficace?
Dott. Frank: Il problema è composto da due parti: da un lato cʼè la questione genetica e dallʼaltro quella
ambientale. Sicuramente quando si vive in un ambiente molto soleggiato o molto inquinato è
consigliabile adottare delle accortezze in più per proteggere la pelle. Esistono per questo scopo, anche
allʼinterno della nostra gamma, dei prodotti antiossidanti ad uso topico che possono essere utilizzati per
contrastare gli effetti dellʼinquinamento ed i danni da esso causati. La cosa più importante è indossare
sempre, durante il giorno, una protezione solare. Allʼinterno della nostra linea esiste un prodotto, Exten
10, che è il più generico ed è stato concepito per contrastare questo tipo di effetti con unʼazione
riparatrice e rigenerante.
Exten 10 ed Equinol sono nella gamma i prodotti che preferisco, il primo su tutto il viso e il secondo
sulla macchia specifica. Ovviamente poi, se si vive in città, bisogna prestare attenzione alla dieta,
bisogna fare attività fisica ed evitare gli eccessi soprattutto per quanto riguarda lʼalcool ed il fumo.

I: Eʼ vero che chi lascia la pelle “acqua e sapone” tende ad avere meno rughe?
Dott. Frank: Non è vero. (sorride) Molte persone che soffrono di acne spesso mi chiedono se, tenendo
il viso più pulito, possono aspettarsi dei miglioramenti – la risposta è no. Non viviamo in posti che si
possono definire sporchissimi, quindi, oltre alla pratica di igiene quotidiana non è vero che lavandosi di
più si risolve il problema. Se però si hanno dei figli attorno ai 16 anni con una buona routine di igiene
personale di base e si insegna loro ad utilizzare un prodotto idratante ed la protezione solare
quotidianamente, allora si che si può fare qualcosa per prevenire eventuali problemi. Queste sono i
prodotti più importanti da applicare ai fini della prevenzione delle rughe.

I: Verso i 16 anni è consigliabile utilizzare una crema idratante ed una crema solare. Cosa
possiamo fare invece per tenere la pelle curata successivamente, cioè a 20 anni, 30 o 40?
Dott. Frank: Eʼ facile ripulire una stanza quando non è sporca. (sorride) Quindi se siete adolescenti o
persone dai 20 ai 30 anni una crema idratante e la protezione solare sono sufficienti. Dopo i 30 anni
invece è opportuno continuare ad utilizzare gli stessi prodotti affiancandoli però ad altri specifici per la
prevenzione dei primi segni dellʼinvecchiamento. La nostra gamma è stata organizzata secondo queste
esigenze perché abbiamo prodotti specifici per i 30, 40 e 50 anni. I trentenni in genere iniziano ad avere
problemi di macchie, pori dilatati e qualche segno di invecchiamento ed esistono prodotti specifici per
questi problemi. I quarantenni cominciano ad avere delle rughe più profonde e dei segni più marcati ed
hanno bisogno di prodotti come ad esempio Filextra. I cinquantenni iniziano a vedere la pelle che cede,
sembra terribile ma la buona notizia è che esistono delle soluzioni a questo problema. (sorride)
Da quando sono diventato medico la tecnologia è migliorata tantissimo in questo campo e per il futuro
sono molto fiducioso che ci saranno nuove scoperte e soluzioni ancora più efficaci. Quindi nessuno di
voi si deve preoccupare dellʼinvecchiamento. (sorride)

I: Cosa intende quando parla di tecnologia?
Dott. Frank: Attualmente la tecnologia più diffusa negli Stati Uniti è lʼutilizzo del laser frazionato, che
nella dermatologia viene utilizzato in svariati modi per ridurre le piccole imperfezioni e risolvere una
serie di problemi. Così come per le creme, cioè per i prodotti topici, in tecnologia ciò che cerchiamo di
ottenere è il minor rischio possibile, una rapida efficacia, risultati visibili in poco tempo e un tempo di
convalescenza e di recupero che sia il più breve possibile.

I: Perché Equinol ha questo effetto sulla pelle? Quali ingredienti ne favoriscono lʼefficacia?
Dott. Frank: Equinol contiene antiossidanti, la vitamina C, lʼacido salicilico - che è un esfoliante e
mantiene la capacità di autorinnovarsi della pelle - e dei fattori illuminanti che danno lucentezza
immediata alla pelle. Quindi con una sola crema il nostro scopo è quello di eliminare lʼaccumulo di
pigmento che già si è formato ed al contempo fare in modo che la pelle risulti visibilmente bella.

I: Quali sono i suoi segreti di bellezza?
Dott. Frank: Tutto. (sorride) La mia prima regola è avere uno stile di vita sano, cioè non mangiare
troppo, fare attività fisica. Mi piace andare in spiaggia ma non per questo rimango sdraiato sotto il sole
come una lucertola e quando noto in me una qualche imperfezione che mi infastidisce tendo ad
intervenire immediatamente. Preferisco agire tempestivamente piuttosto che aspettare il problema
peggiori, divenendo difficile da trattare e imponendo poi il ricorso a tecniche più invasive, come ad
esempio il laser.
E non saprete mai che la mia vera età è di 65 anni! (ride)

I: Equinol può essere applicato in punti specifici?
Dott. Frank: Sicuramente, è nato a questo proposito. Ci sono delle persone che hanno efelidi che sono
molto piccole e localizzate in unʼarea, Equinol può essere spalmato nella zona riducendo lʼintensità
delle lentiggini. Eʼ anche molto efficace per le macchie sulle mani.

I: Pelle e alimentazione, quale relazione lega i due aspetti?
Dott. Frank: Io non credo che mangiare o no certi tipi di cibo renda la pelle più o meno bella, però
ritengo che lʼalimentazione in generale svolga un ruolo importantissimo. Sono molto interessato
allʼargomento, che ovviamente è di grande interesse scientifico e sul quale sono in corso moltissimi
studi. Ad esempio gli zuccheri semplici non sono particolarmente adatti al nostro organismo perché il
tipo di processo metabolico che mettono in atto può avere degli effetti negativi sia a livello epidermico
sia su altri organi come cuore, fegato, reni e così via.
Unʼaltra cosa importante è il consumo di carne biologica, cioè prodotta in allevamenti in cui non si
utilizzano ormoni. Gli ormoni possono interferire con il normale funzionamento del sistema endocrinoormonale
e questo può avere effetti molto negativi sulla qualità e sulla salute della nostra pelle. Lʼeffetto
si vede anche nei bambini che bevono molto latte, spesso non ci si pensa ma questo può influire sul
loro sistema ormonale, sullo sviluppo futuro e quindi sulla qualità della loro pelle.
Però io adoro la pasta (ride), che non contiene ormoni ma zuccheri!

I: Esiste un modo per far funzionare meglio le creme?
Dott. Frank: Il punto è che per fare in modo che la crema funzioni al meglio bisogna trattare la causa
che sta alla base della macchia epidermica.
Se per esempio il problema è lʼacne, prima bisogna rivolgersi ad uno specialista che la curi e dopo si
può applicare la crema e questa avrà maggiore efficacia. Così anche se la macchia è causata dal sole,
sarebbe meglio utilizzare prima la protezione solare e poi si applichi più efficacemente la crema. Curate
la causa e poi utilizzate Equinol per curare gli effetti collaterali.

I: In che ordine bisogna utilizzare le creme solari e le creme riparatrici come Equinol?
Dott. Frank: Io applicherei prima Equinol sulle macchie ed in un secondo momento il filtro solare sul
tutto il viso. Quello che è interessante dei principi attivi contenuti in Equinol è che riescono ad avere
efficacia anche sullʼirritazione che può avere causato lʼacne o derivata dallʼesposizione al sole e
funziona nel ridurre lʼirritazione.

I: Esiste il rischio che la pelle si abitui ai prodotti? che perdano di efficacia?
Dott. Frank: Se si tratta con Equinol una macchia che in 12 settimane scompare ed in seguito non si
riforma in linea di massima possiamo smettere di utilizzarla. In generale però la linea di prodotti è stata
concepita con la possibilità di utilizzo costante e per un periodo di tempo illimitato. Non esiste il
problema dellʼ “assuefazione”.
Questo perché, per quanto si possa avere un effetto immediato sulla macchia e sulle piccole rughe,
lʼinvecchiamento è un processo costante, quindi è necessario che il trattamento si prolunghi il più
possibile. Ci sono persone che utilizzano la crema da molto tempo e si rivolgono a me nel mio studio
dicendomi che si sono rese conto che la crema non abbia la stessa efficacia di prima. In questi casi non
cʼentra la crema, molto probabilmente hanno solo esigenze diverse ed hanno bisogno di trattamenti
nuovi o di un mio intervento. (sorride)

I: Exten 10 può essere utilizzato anche nel caso di pelli molto secche e screpolate?
Dott. Frank: Assolutamente si, perché nella pelle molto secca o screpolata si possono formare delle
macchie. Bisogna in questo caso trattare prima la secchezza e la screpolatura ed in seguito applicare
Exten 10. Anche lʼeczema può causare macchie dermatologiche, per questo va curato per evitare le
conseguenze.


Molto interessante, non trovate?

Erika
MakeUp Fun

1 commenti

  1. Hello
    I just changed my template site =)
    Please take a look at www.welovefur.com
    kisses from your follower! ♡

    ReplyDelete

Thanks for your lovely comments!